Casa Apriti Cuore

Facebook
Twitter
LinkedIn

Sei posti letto disponibili. Si pagano solo le utenze.

Anche l’associazione Apriti Cuore Ets è attiva sul territorio palermitano da oltre venti anni. Si è occupa di accogliere i bisogni delle famiglie più disagiate straniere e non. Nel corso degli anni ha promosso diverse attività di inclusione di soggetti svantaggiati e minori disabili e di sostegno alla marginalità adulta. Da qualche anno è Centro di prossimità (Cdp), attraverso la Fondazione  Ebbene, diventando punto di incontro per i cittadini, ma anche per aziende e istituzioni dando vita a scambi rigenerativi. Il Cdp offre diversi servizi come supporto psicologico, supporto educativo per minori, sostegno beni di prima necessità, orientamento lavorativo e tutela legale utili ai cittadini in condizioni di fragilità. 

Inoltre l’associazione dispone di un appartamento confiscato alla mafia in cui vengono ospitati neomaggiorenni italiani e stranieri in uscita dai servizi residenziali con l’obiettivo di contribuire alla loro autonomia ed integrazione all’interno della società, valorizzando risorse e competenze personali di ogni ospite. L’appartamento si trova in viale Emilia n. 65 a Palermo. Gli inserimenti avvengono tramite segnalazione delle strutture di accoglienza o dei tutori. La casa ha sei posti letto, due per ogni stanza, più servizi. L’ospitalità è gratuita per sei, dodici mesi o più tempo, a seconda del progetto che viene scelto e dei percorsi del ragazzo o della ragazza. Agli inquilini inquilini viene solo chiesto di pagare le utenze (luce, acqua, gas e condominio).


Presidente associazione: Francesco Campagna.
Telefono: 091/7654430.
Sede operativa: piazza dell’Origlione n.18.
Email: info@apriticuore.it
Pagina Facebook: Apriti cuore onlus.

Pagina Instagram: associazione_apriticuore
Ricevimento: previo appuntamento telefonico.

In foto: Ospiti e personale di servizio della Casa.

SERVIZI NEL TERRITORIO
NEWS

Emigrazioni e morti in mare. Una vita umana non è negoziabile mai. Separare l'azione repressiva da quella del salvataggio

di Giorgio Bisagna, avvocato. Presidente dell’associazione Adduma, Avvocati dei diritti umani. Il processo che vede…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscrivendoti alla newsletter confermi di aver preso visione della nostra privacy policy
SITI PARTNER